News

 

inserita il:
4 dicembre 2012

CAPOLAVORI NASCOSTI IN MOSTRA A CIVIDALE

L’ultimo importante capitolo di un percorso triennale dedicato ai Maestri del Novecento
CAPOLAVORI NASCOSTI IN MOSTRA  A CIVIDALE

Visibili per la prima volta al grande pubblico oltre 65 opere di 50 artisti che hanno segnato la storia della pittura contemporanea in Italia e non solo. I quadri, provenienti da collezioni pubbliche e private  del Friuli Venezia Giulia, saranno esposti a Palazzo de Nordis dal 1 dicembre 2012 al 24 febbraio 2013 con ingresso libero.

Cividale del Friuli (UD), 15 novembre 2012 –  Sarà una successione di capolavori inediti la nuova mostra dedicata alla pittura del Novecento in programma dal 1 dicembre 2012 a Cividale del Friuli.

La ricca selezione di opere che sarà fra poco visibile al pubblico nella prestigiosa sede di Palazzo de Nordis rappresenta il terzo e conclusivo capitolo di un percorso iniziato tre anni fa e interamente dedicato alla pittura del Novecento in regione, che ha trovato in Cividale del Friuli il suo baricentro ideale. Qui infatti si sono potuti ammirare, in una prima mostra inaugurata a dicembre del 2010, più di 70 capolavori di artisti che si sono cimentati nel genere pittorico del paesaggio, cui ha fatto seguito, l’anno successivo, una  seconda esposizione composta di 80 ritratti e interpretazioni della figura umana: una galleria di oltre 150 pezzi ammirati complessivamente da più di 22mila visitatori.

La nuova mostra in programma raccoglierà per la prima volta in un’unica sede oltre 65 opere provenienti da collezioni pubbliche e private presenti in regione e sconosciute al grande pubblico. Spesso infatti le collezioni, sia pubbliche che private, ospitano veri e propri capolavori che, per diversi motivi, non sono esposti in luoghi accessibili e restano quindi sostanzialmente invisibili ai più. Di qui il nome e il senso dell’esposizione, intitolata appunto “Capolavori Nascosti”, che intende presentarne un’attenta selezione per raccontare, in modo diverso ed iconograficamente nuovo,  la grande parabola pittorica del Novecento regionale.

Il percorso proposto segue un ordine cronologico e dà spazio a  opere di artisti friulani fra i quali Luigi Bront, Aurelio Marcuzzi, Giovanni Napoleone Pellis, Modotto, Fred Pittino, Anzil Toffolo, Ugo Canci Magnano, Luciano Ceschia, Guido Tavagnacco, Luigi Zuccheri, Afro e Mirko Basaldella, Giuseppe Zigaina, Armando Pizzinato, Giorgio Celiberti, Carlo Ciussi, Aldo Colò, Getulio Alviani, Dora Bassi.

L’arte isontina è invece rappresentata da opere di maestri come Luigi Spazzapan, Tullio Crali, Cesare Mocchiutti, mentre il panorama artistico novecentesco triestino è riccamente raccontato attraverso le tele di Vittorio Bergagna, Romano Rossini, Mario Lannes, Carlo Walcher, Carlo Sbisà, Nicola Sponza, Nino Perizi, Federico Righi, Miela Reina, Mirko Bambic.

Esposte anche opere di grandi artisti nazionali e internazionali come Felice Carena, Ottone Rosai, Renato Guttuso, Edo Murtic.

Promossa dall’associazione culturale Amîs di Cividât in stretta collaborazione scientifica con la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Veenzia Giulia - che ha anche messo a disposizione la prestigiosa sede di Palazzo de Nordis - la mostra ha potuto contare sul sostegno della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia, dell’Azienda Speciale Villa Manin, della Provincia di Udine, del Comune di Cividale del Friuli e della Banca di Cividale: una sinergia che ha contribuito a creare un ulteriore valore culturale sul territorio.

Curata da Alessandro Fontanini, “Capolavori Nascosti” sarà aperta al pubblico con ingresso libero dal 1 dicembre 2012 al 24 febbraio 2013: un vero e proprio omaggio tributato alla città di Cividale del Friuli e a tutti gli appassionati di arte.

L’iniziativa è corredata da un corposo catalogo scientifico alla redazione del quale hanno collaborato il Soprintendente per i beni storici, artistici ed etrnoantropologici del Friuli Venezia Giulia Luca Caburlotto, Maria Chiara Cadore, Denise Flaim, Morena Maresia, Chiara De Santi (responsabile scientifica del testo). Il volume raccoglie inoltre saggi critici di Fabio Cescutti e Licio Damiani. Edito dalla casa editrice L’Orto della Cultura, il catalogo presenta anche le schede delle singole opere ed è corredato da un importante e accurato apparato iconografico.

“Capolavori Nascosti” sarà però anche più di una mostra: un vero e proprio laboratorio culturale interattivo che coinvolgerà per tutta la sua durata la città di Cividale del Friuli con una serie di iniziative dedicate agli appassionati di arte di ogni età. E’ già previsto infatti un fitto calendario di incontri culturali e di eventi collaterali, sostenuti dai soggetti promotori e realizzati a cura di Chiara de Santi, Morena Maresia e Denise Flaim, che coinvolgeranno le personalità artistiche di primo piano del territorio con varie modalità. In mostra troverà inoltre spazio anche la grande grafica del Novecento, continuando la tradizione inaugurata lo scorso anno con la l’esposizione del maestro Santini. Saranno previste infine attività e laboratori didattici rivolti alle scuole del territorio, che nei due anni precedenti hanno riguardato oltre 1.500 studenti, curate da Denise Flaim e Morena Maresia.

Vernice: venerdì 30 novembre 2012, ore 18,00.

Palazzo De Nordis, Piazza Duomo – Cividale del Friuli (UD)

La mostra sarà visitabile dal 1 dicembre 2012 al 24 febbraio 2013 con i seguenti orari:

gio/ven/sab/dom  10.30 – 18.30

Aperture straordinarie
26 dicembre 2012 10.30 – 18.30
1 gennaio 2013 10.30 – 18.30

VISUALIZZA LOCANDINA MOSTRA

Per informazioni

Segreteria mostra: 349 444 9553
www.villamanin-eventi.it

Per ulteriori informazioni e contatti:
Aipem- Ufficio Stampa                                                        
Francesca Ferro                                                                   
Cell. 335 5636359
E-mail fferro@aipem.it                                                       

 

 






 Luigi Bront, Aurelio Marcuzzi, Giovanni Napoleone Pellis, Modotto, Fred Pittino, Anzil Toffolo, Ugo Canci Magnano, Luciano Ceschia, Guido Tavagnacco, Luigi Zuccheri, Afro e Mirko Basaldella, Giuseppe