News

 

post date:
8 Juli 2015

Stazione di Topolò – Postaja Topolove

XXII edizione 10–19 luglio 2015 Topolò di Grimacco (UD)
Stazione di Topolò – Postaja Topolove

52 appuntamenti in dieci giorni tra concerti, letture, incontri, proiezioni, camminate alla scoperta del patrimonio della cultura locale, riflessioni su di un possibile "nuovo umanesimo delle montagne" e laboratori per ri-insegnare l''arte dei muretti a secco. Uno snodo di sperimentazioni, scambi culturali, un piccolo-grande laboratorio dove, non troppi anni fa, era di fatto proibito incontrarsi, fotografare, transitare: questa è Stazione di Topolò – Postaja Topolove, sulla cima e al fondo di una valle che nel fitto del bosco, sopra il paese, diventa Repubblica di Slovenia, 24 anni fa Repubblica di Jugoslavia o “Est” e, prima ancora, Impero Asburgico. Topolò, da sempre frontiera, è ancora Italia, comune di Grimacco, per poche centinaia di metri e la lingua che si parla da sempre è il nadiško, un arcaico dialetto sloveno. Non ci sono bar, né negozi, qui finisce l''asfalto, non ci sono collegamenti con il fondovalle e solo 20 abitanti dei 400 di un secolo fa.  Eppure, oggi qui c''è un aeroporto, benché per i soli arrivi; un ufficio postale per Stati di coscienza, cinque ambasciate, un Istituto di Topologia, un ostello per i suoni trascurati, resti di terme e di gloriose sinagoghe, una Libera Biblioteca per la circolazione dei libri, il quartier generale dell''Officina Globale della Salute, diretto da uno scienziato di fama mondiale, Mario Raviglione; una Pinacoteca Universale diretta da Guido Scarabottolo, un Archivio dello spazio visivo e sonoro, e il Water Institute, un istituto per il monitoraggio delle acque, fondato da Ulay, protagonista negli anni Settanta e Ottanta di alcune tra le più celebri pagine della body art . Da quest''anno anche una Facoltà di Balcanitudine, per meglio conoscere il mondo che ci sta qui di fianco. E ancora, un''orchestra di musica minimale, la Topolovska Minimalna Orkestra e un ensemble di percussioni da strada, Les Tambours de Topolò.

Non è un festival la Stazione/Postaja. Non è un contenitore di spettacoli itineranti. Vengono realizzati sul posto progetti ispirati direttamente dal contatto, dalla conoscenza del luogo, che diventa così il motore e non lo scenario passivo degli accadimenti: è la sperimentazione che si innesta sulla tradizione. Anche i concerti sono in realtà frutto della collaborazione con i musicisti, dilettanti e professionisti, presenti sul posto, quando non con il pubblico. Gli incontri avvengono nelle piazzette, nei vicoli, nei fienili, nei boschi che assediano il paese; senza palchi, senza quinte, senza separazione tra abitanti, artisti e pubblico tanto da ricavarne un''impressione di quotidianità e di partecipazione corale. Ancora, si svolgono "cantieri"-laboratorio dedicati ai ragazzi: e c''è, come in ogni stazione, una Sala d'' Aspetto per incontrare poeti e scrittori in transito. Un cinema, ricavato da un grande muro imbiancato, ospita immagini portate e raccontate direttamente dai registi. Tutti sono ospitati nelle case del paese. Gli appuntamenti avvengono “verso sera”, “al tramonto”, “nella notte”, “con il buio” e non potrebbe non essere così.

La manifestazione è resa possibile dal contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia-Assessorato alla Cultura. La direzione artistica è a cura di Moreno Miorelli e Donatella Ruttar

Stazione di Topolò – Postaja Topolove
XXII edizione
10 – 19 luglio 2015
Topolò di Grimacco (UD)

www.cividale.com/eventi/topolo.asp


il programma su www.stazioneditopolo.it
info: 335 5643017; 338 8756788; morenomior@gmail.com






 Stazione di Topolò – Postaja Topolove