News

 

26 June
2019

Mostra «Sia la chasa spechio del spirito»: abitare in Friuli nel Quattrocento

Mostra «Sia la chasa spechio del spirito»: abitare in Friuli nel Quattrocento

Dal 16 Giugno al 7 Luglio - Venerdì, sabato e domenica 10.00 - 18.00

Un ‘viaggio’ nella dimora friulana lungo tutto il corso del XV secolo, momento di passaggio dallo stato patriarcale d''impronta feudale alla nuova dominazione veneziana: l''arrivo di famiglie e maestranze nuove influì anche sull''assetto edilizio, mentre le numerose acquisizioni tecnologiche aprirono il cammino verso l''abitazione moderna. La mostra rende noti i risultati di alcuni progetti di ricerca condotti presso il Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell''Università di Udine. L''intento è quello di accompagnare il visitatore lungo un percorso che lo possa ''immergere'' nella vita quotidiana del Friuli quattrocentesco, attraverso la ricostruzioni di ambienti e l''esposizione di documenti, iconografie, arredi, tessili, suppellettili e oggetti d''uso per far capire come si presentavano gli interni della dimora di quel tempo.

L''esposizione è integrata dalla visita alla ''Casa dell''orefice'' in Borga Brossana e ai giardini del Monastero di San Giorgio in Vado a Rualis. (0432 700820; info@ilgiardinodelchiostro.com)

Curatori: Maurizio D''Arcano Grattoni e Francesco Fratta de Tomas.

Collabotatori: Paolo Casadio, Sonia Daneluzzi, Lorenzo Favia, Alessandro Groppo Conte, Erica Martin, Elisa Pallavicini, Laura Pani, Gianfranco Santini, Maria Sguazzin, Paolo Zerbinatti, Tommaso Vidal.





 

We care about your privacy

We use cookies to improve the browsing experience on our site. With your consent we can use these technologies for the purposes indicated on the page privacy policy. You can freely give, refuse or withdraw your consent to all or some of the treatments by clicking on the button ''Customize'' always reachable through our cookies info. You can consent to the use of the technologies mentioned above by clicking on ''Accept and close '' or refuse their use by clicking on ''Continue without accept''